FIP: efficacia di un inibitore della proteasi 3CL-like.Risultati preliminari incoraggianti, in un studio su venti soggetti

Schermata 2017 09 20 alle 08.52.23

 

 

In uno studio è stata valutata la sicurezza e l’efficacia di GC376, inibitore della proteasi 3CL-like, in un gruppo di 20 gatti di proprietà di età variabile da 3,3 a 82 mesi (media, 10,4 mesi) affetti da varie forme di peritonite infettiva felina (FIP). Presentavano la forma umida o secca-umida della FIP 14 gatti mentre 6 presentavano la forma secca. Si somministrava per via sottocutanea GC376 ogni 12 ore alla dose di 15 mg/kg. Si escludevano i gatti con segni neurologici.

Tornavano in salute 19 gatti trattati su 20 entro due settimane dall’inizio del trattamento. Tuttavia, i segni di malattia ricomparivano 1-7 settimane dopo il trattamento primario e le recidive e i nuovi casi venivano trattati per un minimo di 12 settimane. Si sviluppavano recidive non più sensibili al trattamento in 13 di questi 19 soggetti entro 1-7 settimane dal trattamento iniziale o ripetuto. In 8/13 soggetti che non rispondevano al trattamento si sviluppava una grave malattia neurologica e 5 gatti avevano recidive di lesioni addominali.

Al momento della stesura dell’articolo, la malattia era in remissione in 7 soggetti. Cinque gattini dell’età di 3,3-4,4 mesi con la forma umida di FIP venivano trattati per 12 settimane ed erano in remissione dopo l’interruzione del trattamento e per 5-14 mesi (media, 11,2 mesi) al momento della stesura dell’articolo. Un sesto gattino era in remissione per 10 settimane, dopo 12 settimane di trattamento, in seguito sviluppava recidiva e rispondeva a un secondo ciclo di trattamento con GC376. Il settimo gatto di 6,8 anni d’età e con solo coinvolgimento dei linfonodi mesenterici era in remissione dopo 3 recidive che richiedevano trattamenti ripetuti progressivamente più lunghi nel corso di 10 mesi.

Gli effetti collaterali del trattamento includevano un dolore transitorio e occasionali foci di fibrosi sottocutanea e alopecia nella sede di iniezione. Si osservava un ritardo di sviluppo ed eruzione anomala dei denti permanenti nei gatti trattati prima di 16-18 settimane d’età.

GC376 si dimostrava promettente per il trattamento dei gatti con alcune forme di FIP e potrebbe aprire la porta alla terapia antivirale mirata, concludono gli autori.
Efficacy of a 3C-like protease inhibitor in treating various forms of acquired feline infectious peritonitis” Pedersen NC et al. J Feline Med Surg. 2017 Sep .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...