Sarcomi iniettivi felini: analisi di 131 casi di chirurgia radicale.Tasso di recidiva tra il 33 e il 55%

sarc

A causa della crescita altamente infiltrativa, il sarcoma iniezione-indotto (FISS) comporta un rischio significativo di recidiva locale. I parametri con possibile significato prognostico (es., dimensioni e sede del tumore, exeresi di un tumore de novo o di una recidiva e ottenimento di margini chirurgici liberi da tumore) sono stati analizzati riguardo al loro effetto sul tasso di recidiva (RR), l’intervallo libero da malattia (DFI) e il tempo di sopravvivenza (ST).

In uno studio è stata effettuata un’analisi retrospettiva dei gatti con FISS localizzati sul torace, sulla parete addominale o nella regione interscapolare e trattati presso una singola struttura mediante una tecnica standardizzata di exeresi radicale con margini laterali di 3 cm e asportazione a tutto spessore della parete corporea (tumori localizzati sulla parete toracica/addominale) o di un minimo di due piani fasciali (tumori interscapolari).

Il DFI e ST mediano postoperatorio di 131 gatti con FISS era rispettivamente di 21 e 24 mesi. I pazienti operati per tumori recidivi avevano una probabilità significativamente maggiore di decesso per ragioni correlate al tumore, rispetto ai pazienti con tumori de novo. RR e DFI per le diverse sedi tumorali erano assimilabili.

La recidiva locale del tumore si verificava nel 38,1% dei casi. I soggetti operati per una recidiva locale avevano una probabilità significativamente maggiore di sviluppare un’altra recidiva (RR 55,5% vs 33,3%). La completezza dell’escissione veniva determinata prelevando biopsie del letto tumorale. Le biopsie che non contenevano cellule neoplastiche erano associate a un RR significativamente inferiore rispetto a quelle con cellule neoplastiche (30,5% vs 76,2%).

In base ai fattori prognostici quali la chirurgia di un tumore primario o di una recidiva, i margini di escissione liberi da tumore e la sede del tumore, l’RR dei FISS variava dal 33 al 55%, indipendentemente dall’intento curativo radicale. Lo studio può favorire l’identificazione dei pazienti a rischio di recidiva, concludono gli autori.
“Curative-intent radical en bloc resection using a minimum of a 3 cm margin in feline injection-site sarcomas: a retrospective analysis of 131 cases.” Müller N, Kessler M. J Feline Med Surg. 2017 Jul 1:1098612X17717882. [Epub ahead of print]

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...